(aggiorn. maggio 2002)

L'ASTAF AL PARLAMENTO  EUROPEO   

"Una full immersion nell'europeismo". Con queste parole  il Presidente dell'Astaf Mario Rapanà ha sintetizzato la recente visita (10 - 11 luglio u.s.) al Parlamento Europeo di Bruxelles. "Si è trattato di un'esperienza esaltante che moltiplicherà le attività della Stampa nazionale forense, sia grazie ai contatti che consentiranno un approfondimento sempre maggiore delle tematiche comunitarie di cui la Stampa forense - attraverso le sue numerose testate -  si fa portavoce, sia per l'intensificarsi dei rapporti con le realtà giornalistiche-forensi operanti in sede  UE, che l'ASTAF ha tra isuoi programmi imminenti". Nella giornata dell'11 luglio, dopo le scrupolose operazioni di accreditamento , la Delegazione (composta - oltre che dal Presidente Rapanà e dalla responsabile dellUfficio Stampa Anna Raccuja - dagli Avvocati Marcello Colloca, Antonio Galli, Carlo Petrone , Roberto Porto, Mario Romano, Alberto Sansonetti)  è stata ammessa ad assistere ai lavori della Commissione Giuridica, Mercato Interno e Diritti delle Donne, presieduta dall'  On.leGiuseppe Gargani, il quale  - a nome  personale e dei 33 Membri della Commissione -   ha rivolto un cordiale  indirizzo di saluto alla rappresentanza della Stampa Forense italiana, sottolineandone la presenza, per la prima volta, in una  Commissione  del Parlamento   Europeo.

Attraverso la traduzione in cuffia, la Delegazione italiana ha avuto modo di seguire gli interventi de vari Membri sui singoli argomenti all'O.d.g., tempestivamente distribuito. Di notevole importanza,  l'argomento riguardante la

- "Introduzione di un vocabolario comune negli appalti" , affidato all' efficace relazione del Deputato italiano  Stefano Zappalà. La risoluzione, destinata a trasfondersi in direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio, prende in esame un aspetto del delicato settore degli appalti, e rappresenta la necessità di pervenire ad una disciplina organica e, il più  possibile, omogenea, anche sotto l'aspetto del linguaggio, attraverso una terminologia comune che valga a superare le difficoltà ermeneutiche ed il  contenzioso conseguenti alle varie tipologie contrattuali dei Paesi membri. Interesse particolare ha suscitato, poi, la trattazione di  pareri ed emendamenti su altri temi, quali:

-  "Assicurazione sulla vita" (Relatore: il Deputato britannico Lord Inglewood) ; "Protezione dei lavoratori temporanei e rapporto tra l'Agenzia di lavoro interinale ed il lavoratore" (Relatore: il Deputato greco  Ioannis Koukiadis);

Quest'ultimo tema - è stato chiarito - è di competenza, per merito, della Commissione Affari sociali e Occupazione ed era all'ordine del giorno della Commissione Giuridica per l'acquisizione del necessario parere. Al termine dei lavori della Commissione, gli avvocati dell'ASTAF sono stati ricevuti dall'On.

Zappalà, il quale -con la sobria cordialità che lo contraddistingue, unita alla sua personalità di uomo diretto e concreto,   ha intrattenuto gli ospiti, illustrando i meccanismi dell'attività del Parlamento Europeo e delle  sue singole Commissioni, in ciascuna delle quali  ogni deputato  ha il diritto di intervenire, anche senza voto : ciò sia a Bruxelles che a Strasburgo, dove mensilmente il Parlamento si riunisce, con  il trasferimento non solo dei 638 deputati, ma anche dell'intera ponderosissima documentazione cartacea di accompagnamento dei singoli provvedimenti sottoposti all'esame dell'aula! "Il cammino da compiere -  ha commentato l'europarlamentare - è ancora lungo, nella direzione della completa unificazione culturale e geo-politica dell'Europa e richiede un impegno intenso e quotidiano in ciascuno di noi, se non si vuole che la Comunità resti un'astrazione, con l'unico e insufficiente risvolto concreto rappresentato dalla moneta  unica". La possibilità di guardare da vicino , da un osservatorio veramente privilegiato, non solo gli europarlamentari  nel loro lavoro , ma  anche  la realtà tanto complessa in cui essi operano,  ha costituito un' occasione per impegnarci a dare il massimo contributo, per la parte che ci appartiene come giornalisti forensi, alla diffusione - attraverso le nostre pubblicazioni stampate e telematiche (come, appunto, Giustiziaoggi.it) -del sapere comunitario.      

Per ora : Arrivedersi Bruxelles ! 

Per iniziativa del Presidente internazionale  Stephen Dreyfuss,si terrà a Firenze, nel Palazzo dei Congressi ospitato nella ottocentesca "Villa Vittoria", il 58° Congresso dell'Unione Internazionale degli Avvocati (UIA)su un tema  particolarmente  propositivo e stimolante , che vedrà a raccolta oltre mille avvocati da ben 70 paesi. Di grande valore qualitativo, oltre che numerico, il  parterre dei relatori (trecento, tutti di fama internazionale), al pari delle commissioni, i cui lavori spazieranno dal diritto amministrativo, all'internazionale e a quello bancario, dei media, informatico  e delle proprietà intellettuali ed altri settori di interesse  artistico, nonchè giuridico, per citare solo alcuni dei campi di approfondimento che saranno affrontati nelle trenta sessioni previste.  Si tratta di un notevole sforzo organizzativo, dovuto all'opera del Comitato presieduto da Carlo Mastellonedi Firenze e formato, tra gli altri,  da Alberto Pasino di Trieste, Alessandro Colavolpe  di Roma, Alfredo Guarino di Napoli, Mauro Rubino Sammartano di Milano Nicola Putignano di Bari, Enrico Senini di Brescia e   Bruno Micolano di Bologna,  che assumerà il ruolo di Presidente del Congresso, coadiuvato  dalle  colleghe toscane