(aggiornamento settembre 2007)

FONDAZIONE E FONDAZIONE!

(amare riflessioni di un avvocato, nonostante...)

A proposito di Fondazioni, ci piace citarne una di alto livello, quale quella denominata (senza provincialismi) “Fondazione Forense Bolognese” del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bologna , presieduto dall'ottimo Lucio Strazziari, che – tra gli altri meriti – ha quello di aver curato recentemente una splendida riedizione di un famoso libro di Piero Calamandrei dal titolo “TROPPI AVVOCATI !” , ristampa anastatica dei Quaderni della Voce di Giuseppe Prezzolini, di cui è significativo sottolineare la data “anno 1941”. La condizione in cui versa il pianeta avvocati, simmetrica a quella del pianeta giustizia, suscita un preoccupato interrogativo : basterà il seme dei nostri Maggiori come De Nicola,

De Marsico, Bentini e lo stesso Calamandrei (che, purtroppo, ha fruttificato in proporzioni piuttosto esigue),a combattere il dilagare del malcostume forense, frutto di modelli deteriori ogni giorno più invadenti che sembrano ispirare la propria (im)morale condotta al modello di manzoniana memoria?Poichè apparteniamo a quella falange - speriamo, non esigua - di avvocati che vogliono continuare ad essere e sentirsi tali, nonostante(...), dobbiamo rispondere affermativamente all'interrogativo ed esorcizzare,così, il pessimismo e la rassegnazione che, specie nei giovani, può diventare causa di autodistruzione professionale. M.R.