( aggiorn. ottobre 2008 )

"RITROVARE LA FIDUCIA NELLA GIUSTIZIA"

di MARIAN GARGIULO

Grazie alla tenacia di un gruppo di avvocati è nata ad Aversa, nei giorni scorsi, l'Associazione Forense Normanna. Ad essa sono associati gli avvocati che esercitanoSi è svolto il 3 ottobre u.s. a Nola nell'Aula Magna del Palazzo di Giustizia, sito nella storica Reggia degli Orsini, la seconda edizione e del "Premio Europeo in Comunicazione Giuridica Astaf-Città di Nola" che, dopo il successo della passata edizione, ha dato vita ad una Fondazione, sotto l'egida del Consiglio Forense, presieduto dall'Avv.Enrico De Sena, del Comune di Nola (Sindaco Dott.Felice Napolitano) e in collaborazione con l''Associazione Nazionale della Stampa Forense (A.Sta.F.), presieduta dall'Avv.Mario Rapanà. Nato da una felice intuizione della Rivista del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Nola,("Impegno Forense" diretta dal Dott.Salvatore Esposito), recepita con entusiasmo dal Consiglio Direttivo dell'A.Sta.F., il Premio "ha trovato - come si legge nella presentazione della prima edizione, sul numero di marzo 2007 di Impegno Forense - il suo naturale humus nella vivacità culturale della città di Nola, che ha dato i natali ad un vero Maestro di comunicazione, quale fu Giordano Bruno, di cui è esemplare il bilinguismo letterario, nei poemi scritti non solo in latino, ma anche in lingua volgare, utilizzata quale strumento di comunicazione di massa". Dopo un'esaustiva apertura dei lavori affidata all'Avv.Francesco Franzese, la manifestazione - coordinata dal Direttore Editoriale di Impegno Forense Avv.Ciro Sesto - ha fatto registrare gli appassionati interventi del Presidente del Consiglio Forense Avv.Enrico De Sena, del Sindaco di Nola Dott.Napolitano, del Procuratore della Repubblica Dott.Paolo Mancuso e del Vice Presidente dell'A.Sta.F. Avv. Mario Romano che, portando il saluto del Presidente Avv. Rapanà (trattenuto a Roma da precedenti impegni istituzionali) , ha ripercorso brevemente le fasi della istituzione del Premio, che si iscrive tra i traguardi ambiziosi perseguiti dalla Stampa Nazionale Forense, da tempo proiettata nella dimensione europea, dopo i reiterati incontri svoltisi a Bruxelles, con scambi culturali nell'ambito dell'Europarlamento.

Non priva di emozione, anche per le toccanti espressioni dei premiati, l'assegnazione dei tre riconoscimenti, rispettivamente:- per la Sezione Europea:al Prof.Avv.Jaume Alonso Cuevillas (per il saggio "Las Normas juridicas como objecto de prueba"); - per la Sezione Nazionale: alla Testata giornalistica on line "Altalex" diretta da Alessandro Buralli,al Dott.Luigi Ferrarella (per il Saggio "Fine pena, mai" - Ediz.Il Saggiatore),-al Dott.Giovanni Negri - Giornalista professionista per l'articolo "Cogne, il paradigma della giustizia-spettacolo" (pubblicato su SOLE 24ORE del 22 maggio 2008); - per la Sezione A.Sta.F., all'Avvocato-Giornalista Michele Pezone, per il saggio dal titolo "Il sistema sanzionatorio italiano a tutela dell'ambiente marino" (pubblicato sulla prestigiosa Rivista "P.Q.M.", associata all'Astaf, fondata dall'Avv.Guido Scoponi e diretta dall'Avv.Marcello Pacifico, infaticabile Segretario dell'Associazione Nazionale della Stampa Forense (A.Sta.f.). Di alto interessi si è rivelata, poi, la Tavola Rotonda, moderata con la consueta professionalità dal Giornalista RAI Dott.Carlo Verne (Segretario nazionale USIGRAI), che ha ricordato i suo trascorsi giovanili di Praticante della professione forense, dando spunti vivaci alle relazioni (sul tema:"Diritto di cronaca e garanzie del Cittadino"), rispettivamente trattate dai Giornalisti Luigi Ferrarella e Giovanni Negri, in mirabile contrappunto con l'Avv.Felice Liccardo (Garante della Comunicazione) e con il Prof.Avv.Franco Tortorano (Presidente dell'Unione regionale degli Ordini Forensi campani). Il dibattito, per l'elevato spessore culturale dei Relatori, è stato seguito con partecipata attenzione dai numerosissimi Avvocati e Giornalisti che hanno affollato lo splendido salone, fino alla apprezzata ed applaudita conclusione affidata al Sottosegretario alla Giustizia Sen.Giacomo Caliendo, che non ha mancato di illustrare la travagliata riforma del Sistema Giustizia, in fase di approvazione da parte dei due rami del Parlamento. resoconto a cura dell'Avv.Biagio TRAPANI - redattore Giustiziaoggi