( aggiorn. marzo 2009 )

DONNICIDI, ANNA BALDRY ESPLORA IL PIANETA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE

Edito per i tipi della CSE di Torino, il libro è una analisi profonda del mondo criminale (il titolo è "UOMINI CHE UCCIDONO- Storie , moventi e investigazioni" ) realizzata da Anna Baldry, in collaborazione con Eugenio Ferraro, Dirigente della Squadra Mobile di Roma ("un mobiliere", come lo chiama simpaticamente Italo Ormanni, Procuratore Distrettuale Antimafia di Roma, nella post-fazione del volume).Pscicologa e criminologa, la Baldry, oltre ad un'intensa attività di docente presso la S.U.N.(Seconda Università di Napoli) , si occupa, quale responsabile, del Contro studi Vittime di Reato (CESVIS) e dello Sportello Antistolking della Provincia di Roma, gestito dalla Associazione "Differenza Donna".La sua, dunque, si rivela una testimonianza - ex professo - di un mondo tslvolta trascurato, qual'è quello del crimine che vede come soggetto passivo, non casuale , la donna: di qui il racconto di particolari investigativi, la descrizione delle spinte emotive e dei profili degli autori dei delitti, definiti con un provocatorio neologismo "femminicidi", quasi a voler rendere giustizia, anche da un punto di vista semantico alla donna !Con riferimenti di intenso verismo, il saggio porta alla luce fatti di sangue del recente passato , spaziando dall'aspetto sociologico a quello criminologico, fino a quello giornalistico che si accompagnano ad ognuno dei tristi episodi evocati, tra cui non mancano quelli emblematici di delitti perpetrati quale (ineluttabile...?) conseguenza di una persecuzione ( stalking) verso la vittima: è il caso di Angela, giovane diciottenne, uccisa dall'ex fidanzato dopo essere stata da questi braccata per mesi.Il libro, che - come si è detto si avvale delle vaste esperienze di un investigatore di razza, come Ferraro

 - si spazia anche ad analizzare tutta una casistica criminale, seguendone l'intero percorso fino all'epilogo giudiziario, arricchendone la descrizione con riepiloghi e schemi, frutto di analisi non meramente statistiche, rivelandosi una lettura piacevole, ma anche estremamente utile che ci sentiamo di consigliare agli addetti ali lavori e non solo.Qui, sperando di aver suscitato sufficiente interesse o curiosità per quella che non è un opera di pura letteratura, aggiungiamo un plauso per l'Autrice che recentemente è stata tra gli apprezzati relatori in un meeting sul tema incentrato sulla rnuova Legge "antistalking" .Svoltosi a Caserta il 27 febbraio 2009, per iniziativa dei Lions distrettuali guidati dal Governatore Alfonso Caterino (e coordinato dalla Delegata alle Pari Opportunità Dott.ssa Cristina Di Giacomo), il convegno ha fatto registrare, altresì, l' appassionato contributo del Prof.Aldo Masullo, Docente di Filosofia morale , dell' Avv.Mario Romano, Vicepresidente nazionale dell'Assostampa Forense (A.Sta.F.), del Dott.Aldo D'Andrea, past Governor del Distretto Lions e della Dott.ssa Stefania Cantatore, Delegata campana dell'U.D.I. (Unione Donne Italiana).I'assise era stata aperta dalla prima relazione del Magistrato Donato Ceglie, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di S.Maria Capua Vetere, il quale - da profondo esperto della materia - ha tracciato una radiografia realistica e non del tutto positiva della nuova disciplina penalistica, evidenziando la necessità di arricchirla con altri presìdi di ordine legislativo e sociale, capaci di renderla realmente efficace ed evitarne distorte applicazioni.