( aggiorn. ott. 2010 )

" DAL CONFINE AL LIMITE"

Un solido mattoneper il progetto internazionale di ERMANNO BOCCHINI

"La religione dei diritti umani fondamentali non ha confini di lingua , di razza, di religione, giusto quanto sancito dalla nostra Costituzione. Dio creò l'uomo come fratelli l'uno affianco all'altro e non uno sopra l'altro".Con queste intense parole il presidente del L.C. Caserta Reggia Dario Parisi ha aperto i lavori del meeting dedicato alla Cittadinanza Umanitaria Internazionale, incentrato sul bisogno di coniugare armonicamente tra loro la eguaglianza e la diversità tra gli uomini.A dare testimonianza di come può estrinsecarsi concretamente l'ambizioso programma portato avanti in campo nazionale ed europeo dal Prof.Ermanno Bocchini (past direttore internazionale e attuale rappresentante del Lions International presso il Consiglio d'Europa), si sono alternati - sotto l'attenta e colta regia del Dott. Filippo Maria Ferrucci, in veste di moderatore, la Dirigente Scolastica Dott.ssa Adele Vairo e i rappresentanti della United Colours of Futsal Dott. Giulio Dionisio e Vincenzo Imperatore che hanno illustrato rispettivamente il progetto portato avanti con il Liceo Manzoni e quello cui ha dato vita la Futsal, attraverso l'aggregazione intorno allo sport del calcio, di un folto numero di giovani migranti, accompagnati nel processo di integrazione sociale.Momenti di intensa partecipazione e di viva condivisione emotiva sin sono registrati nell'ascoltare i brevi interventi dei due giovani migranti, Humberto Fernandez e Momo, i quali hanno ripercorso il cammino di avvicinamento alla nuova realtà sociale nella quale si trovano a vivere nel nostro Paese,

 cui sentono di appartenere giorno dopo giorno, quali cittadini di una seconda patria ,conquistata attraverso il lavoro e non quale destinatari di mera assistenza o carità.   ________(*) realizzazione grafica di Giuseppe Capuano La sintesi di questi concetti è stata, infine, tracciata dalle parole di Ermanno Bocchini, dal quale è venuta la plastica descrizione della nuova cittadinanza umanitaria, capace di trasformare il singolo individuo in cittadino attivo e consapevole al cospetto della Pubblica Amministrazione, protagonista e non passivo destinatario dei servizi,conscio dei propri diritti e attuatore dei doveri civici, il cui assolvimento determina la crescita materiale e morale della Comunità nelle sue varie estrinsecazioni nazionali e sovranazionali: si tratta - ha concluso Bocchini - di una mission di fede laica che attende i Lions italiani, quali pionieri rispetto al resto del mondo e di cui si discuterà fattivamente nella prossima convention internazionale di fine novembre a Bologna. L'incontro, cui ha partecipato anche Don Antonello Giannotti, da sempre attivo nella cura dei migrantes, considerati cittadini a pieno titolo della Comunità cattolica, ha rappresentato una ulteriore tappa del progetto lanciato da Ermanno Bocchini durante i biennio di Direttore internazionale, cui le iniziative dei Clubs come quello di Caserta Reggia contribuiscono a dare sostegno e slancio morale e materiale. M. R.