( aggiorn. aprile 2012 )

INNO ALLA PASTIERA: PER RINFRANCARE LO SPIRITO, TRA COLPI DI SPREAD & DI IMU !

Nei giorni in cui sembrava che non vi fosse altro problema che quello legato alla singolare vendita di un appartamento di Montecarlo, questa rivista pubblicò una lirica dedicata al sorriso, invitando tutti - compresi i protagonisti di quell'episodio - a lasciar perdere, con una risata liberatoria... Sappiamo come andò a finire quella vicenda: i risolini ci furono ma comparvero sulle labbra dei cugini Angel e Nicolas e dettero l'avvio ad una svolta, culminata con il salutare avvento dei Professori al vertice dell'Esecutivo del nostro Paese. Oggi che -( "Ce lo chiede l'Europa"...)- siamo martellati da nuovi balzelli e strette alle pensioni medio-basse, consoliamoci con un alimento di poco costo ma certamente capace di nutrire spirito e corpo... Godiamoci, dunque, questi versi che costituiscono la celebrazione della napoletanissima pastiera:

Currite giuvinò ! Ce sta a' pastieraE' nu sciore che sboccia a primaverae con inimitabile fragranza soddisfa primma o' naso e dopp' a panza.Pasqua senz' a pastiera niente vale :e' a Vigilia senz'alber e' Natalee' comme o' Ferragosto senza sole.Guagliù , chest'è a pastiera, chi ne vole? L'ingrediente so' buone e genuini :ova, ricotta zucchero e farina (e o' grano che ammiscat' all'acquae fiori arricchisce e moltiplica i sapori).E' ttruove facilmente a tutt'e parte,ma quann' e fa' l'impasto ce vo' l'arte !A Napule Partenope , a sirenac'a pastiera faceva pranzo e cena.Il suo grande segreto o' sai qual'è?Stu dolce po' gli pure annanz' o' Re.E difatti ce jette. Alludo a quandoil grande re Borbone Ferdinandofece nu monumento alla pastiera,perchè facette ridere a mugliera.Se ne pruvà na fette, tu dice:"mamma mia,chisto nun è nu doce, è 'na poesia!"