“I Cinque”

 

IL MIO DELINQUENTE

Un frammento di storia, dalla penna di quattro Giovani & un Tutor


Elaborato nell’ambito del progetto Alternanza Scuola-Lavoro, il libro rappresenta il frutto di una ricerca nata per caso, per iniziativa dell’Istituto Amaldi-Nevio di Santa Maria Cpua Vetere, di concerto con l’Amministrazione comunale della città.

Gli autori, coordinati in veste di Tutor da Enzo Oliviero, appassionato cultore della nostra storia cittadina, sono quattro giovanissimi studenti (all’epoca sedicenni), i cui nomi - celati in copertina, al pari di quello dello stesso Tutor, con il modesto pseudonimo numerico - meritano menzione per il prezioso lavoro svolto. Essi sono:Marica Russo, Domenico De Vivo, Roberta Ovallesco e Sandra Trotta, ai quali giustamente ha reso merito il Sindaco Avv.Antonio Mirra, nella sua breve e toccante introduzione del libro.

Il lavoro, come si è detto, ha tratto spunto dal casuale ritrovamento, su una bancarella napoletana, di un carteggio riguardante un patriota sammaritano Andrea De Domenico, che fu  tra gli eroici animatoridei moti del 48, finito in carcere e scarcerato per grazia regale dopo dieci

anni di dura detenzione, vissuta nelle celle del

bagno penale di Pescara, insieme ad altri giovani carbonari come lui, sacrificatisi in nome della libertà popolare.

Il titolo rievoca l’affettuoso epiteto con cui la moglie Amalia soleva apostrofare il suo amato Andrea, a causa della sua indole di scapigliato rivoluzionario…

L’aspetto singolare del libro, la cui scrittura “a quattro mani” (anzi : a cinque..) sembra scaturita

da un’unica penna, con una prosa scorrevole ed avvincente, sta nel fatto che, pur riferendosi a persone vere, ne traccia la storia alla stregua di personaggi di fantasia, con dialoghi avvincenti e, a tratti, commoventi, la cui costruzione rivela l’alta sensibilità dei giovani scrittori e la loro

compentrazione nei valori esaltati dalla vita dei protagonisti che, via via, diventano, per il lettore, come persone di famiglia !

Per completezza, va, peraltro, evidenziato anche l’intenso lavoro bibliografico sul ricchissimo

materiale tratto dall’Archivio storico di S.Maria Capua Vetere e di Caserta, nonché dagli scritti di Autori tra cui ci piace ricordare Francesco Marozzi, Edoardo De Domenico e Michele Della Valle, gelosi custodi delle memorie della nostra città e dei suoi illustri cittadini.

Al termine della lettura, che speriamo possa essere ampiamente condivisa, a fronte di una tiratura numericamente modesta ( di cui auspichiamo la ristampa), la sensazione che si ricava – a differenza dello stereotipo messaggio spesso presente nei “social” dei nostri telefonini - è quella dell’ aria pulita fatta di persone ricche di palpitante umanità, il cui modello è stato mirabilmente raffigurato dai CINQUE ai quali, anche per questo, va la nostra gratitudine !

_________

(*) Recensione a cura del Direttore Avv.Mario Romano