(aggiorn. dicembre 2016)

CASERTA RICORDA BENEDETTO CROCE(*)

Siglato il 30 novembre u.s. il protocollo d’intesa tra Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, Liceo classico “Pietro Giannone” e Comitato provinciale della “Dante Alighieri” per celebrare a

Caserta Benedetto Croce nel 150° della nascita. Il programma di massima prevede un convegno di studi, l’allestimento di una mostra bibliografica e documentaria sull’opera del filosofo e del politico, il coinvolgimento degli studenti per approfondimenti sull’attività svolta dall’uomo che ha costituito il punto di riferimento morale del Paese in momenti storici particolarmente intensi.

Nel nome di Benedetto Croce sorse la Società di Storia Patria di Terra di Lavoro ad un mese dalla sua scomparsa avvenuta il 20 novembre del 1952.Nei preliminari della riunione con la Preside del Liceo Giannone, Marina Campanile, e col Presidente della Dante, Marcello Natale,

 

il Presidente della Storia Patria, Alberto Zaza d’Aulisio, ha ricordato l’attenzione di Benedetto Croce verso Caserta e le sue dinamiche culturali, citando la visita che il filosofo rese nel marzo del 1919 all’editore Enrico Marino ed al suo stabilimento di Arti grafiche in via Jolanda, accompagnato da Luigi Russo (che aveva insegnato nella Scuola Ufficiali di Caserta ed era poi passato alla Nunziatella di Napoli), per verificare la stampa del suo opuscolo dal titolo “La riforma della storia letteraria ed artistica”, edito, appunto, dal Marino, insieme allo scritto di Giovanni Gentile su “Mazzini”. Nell’occasione Croce fu ospite della giovane scrittrice Dora Pierantoni, terzogenita del Senatore Augusto Pierantoni e della poetessa Grazia Mancini, nella villa di Centurano.

 


(*) Pescasseroli 25 nov.1866 – Napoli 20 nov.1952